Bioclean / Chiara Franzoi

Bioclean è una soluzione pensata per tutte le persone che mangiano la mela fuori casa. L’atto del portarsi una mela al lavoro per uno spuntino, magari da mangiare in metrò velocemente, a scuola per merenda, in palestra ecc… presuppone una serie di azioni preliminari. La sera prima, la mela va lavata per togliervi dalla buccia la sporcizia che vi si è accumulata nelle fasi di trasporto (dal raccolto alla vendita); bisogna poi ricordarsi di portare con sé un fazzoletto per pulirsi le mani dopo aver mangiato la mela, o per non toccarla con mani sporche prima/mentre la si mangia.
A volte, arrivati al lavoro o a scuola, ci si rende conto di essersi dimenticati di lavare la mela, e si cerca un metodo alternativo per pulirla, il più delle volte strofinandola sui propri vestiti.
Il progetto è pensato per poter eliminare tutte le fasi preliminari e quindi permettere di mangiare la mela fuori casa senza sporcarsi le mani e senza doverla prima lavare. È stata posta molta attenzione nel ricercare un linguaggio visivo e un materiale che potessero rimanere fedeli il più possibile alla naturalità e genuinità dei prodotti ‘La Trentina’. Da qui, la scelta di utilizzare materiale ecocompatibile e biodegradabile.
Progetto: foglia doppia in carta di riso che diventa salvietta per pulire la buccia della mela e non sporcarsi le mani mentre la si mangia.La foglia, studiata per poter pulire la mela, può fungere sia da elemento visivo di forte impatto su cui è ben visibile il logo del produttore, sia da protezione della parte inferiore del frutto, parte utilizzata come base di appoggio negli espositori per la vendita e quindi maggiormente soggetta a urti.
La foglia è composta da due metà identiche accoppiate: in questo modo, le metà interne, che serviranno per pulire la buccia, rimangono sempre pulite, anche durante le fasi di trasporto. Basterà staccare e aprire la foglia per poter pulire la mela.
Quando rimane solo il torsolo, lo si può inserire nella foglia e gettare il tutto nel biodegradabile, senza sporcarsi le mani.
La carta di riso, composta al 100% da fibre vegetali naturali, viene colorata con tinture naturali a base d’acqua. Sono state scelte le cromie già definite da ‘La Trentina’ per ogni qualità di mela. In particolare Arancio per Gala, Rosso per Red Delicious, Verde per Ganny Smith e Naturale per Golden Delicious.

Designer

Chiara Franzoi

Fin dalla formazione alla scuola media inferiore, manifesta l’interesse verso il mondo dell’arte, interesse che si trasformerà in passione per il design e l’arredamento. A causa della mancata vicinanza con un istituto di formazione superiore ad indirizzo artistico/architettonico, intraprende gli studi al Liceo Scientifico locale G.B. Pertile di Asiago -VI-, diplomandosi regolarmente nel 2009 con 80/100. Segue la decisone di fermare gli studi per un anno, durante il quale lavora in un negozio di abbigliamento firmato e studia per superare il test d’accesso alle facoltà di design. A ottobre 2010 l’iscrizione al Politecnico di Milano Scuola del Design, corso di studi Design del Prodotto Industriale-Orientamento Arredo presso la sede di Como. Gli studi regolari si concludono nel 2013 con laurea, votazione 106/110.

FacebookTwitterGoogle+LinkedInPinterest

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Progetti speciali

Ultime news

I progetti vincitori di ADAD 2015 esposti al Civica Project del MART

Come preannunciato, il bookshop del Civica Project  (Galleria del MART di Rovereto con sede a Trento) ospiterà nei prossimi mesi i lavori ...→

I progetti di #ADAD2015 in vendita online su Buru Buru

Siamo lieti di annunciare che i progetti vincitori della sezione Under 35 di A Designer A Day 2015 sono finalmente acquistabili online su ...→

#ADAD2015: cosa è successo e cosa succederà

Con la conclusione della Design Week è terminata anche la prima fase di A Designer A Day 2015. Ringraziamo tutti i visitatori che dal ...→

Archivio