Tekkā Måntcha / Noemi Romano

Un set da pranzo per una persona composto da posate, piatto, bicchiere e tovagliolo.
Questi oggetti sono concepiti insieme ad un sistema di tasche e fibbie da indossare legato alla propria vita.
E’ un kit che riporta le stoviglie al ruolo di attrezzi atti alla fabbricazione del proprio pasto, trasformando l’utente in un bricoleur della colazione.
Il kit permette all’utente di spostarsi con indosso un vero e proprio servizio da tavola e di fermarsi in presenza della materia prima cibo fruibile attraverso adeguati strumenti.
I materiali impiegati – ceramica e legno – contravvengono all’abitudine percettiva di un simile sistema di oggetti: acciaio inox per le posate, vetro per i bicchieri, ceramica smaltata per i piatti. In questo modo, l’esperienza tattile dell’utente può di fatto, anche se per un numero limitato di circostanze, esse dirottata verso una fruizione poco consueta.
La duplice finitura di cotto e smalto delle posate si appoggia ad un’impugnatura quasi rudimentale in legno di fico, per suggerire un approccio ludico al cibo.
Il kit risponde al progetto di un vero e proprio immaginario, quello in cui il design dell’usa e getta lascia il posto ad oggetti di cui prendersi cura.
Le posate, uniche nella loro riproducibilità, ammiccano ad uno stile di vita bucolico e giocoso, di gite nei boschi e percorsi tra i campi.
Piatto e bicchiere sacrificano la loro funzionalità in cambio di uno spaesamento necessario a scardinare il restyling di collaudate abitudini, trovando rifugio in una cintura per gli attrezzi la cui texture rassicura sull’uso di questi oggetti.
Tekkā Måntcha è stato selezionato tra i finalisti del concorso Fabbricare Cose per la Venice Design Week del 2011:
http://www.venicedesignweek.it/index.php?option=com_content&view=article&id=213:nunull&catid=34:partecipanti-2011&Itemid=103

Designer

Noemi Romano

Noemi Romano – meglio conosciuta come Nunull – è una designer italiana che vive tra Palermo e Torino.
Nata in sicilia nel 1984, comincia la sua formazione avvicinandosi al design di prodotto, per poi dedicarsi al tema della sostenibilità ambientale.
Al momento sta indirizzando la sua ricerca personale concentrandosi sulla grafica, falegnameria e attività tradizionali siciliane – come la tessitura e l’uncinetto – seguendo un approccio concettuale al progetto, mescolando l’ambito tessile e tutto il resto, sognando l’allevamento e l’agricoltura.
Contro il restyling, crede in prodotti che soddisfino bisogni emotivi, suggerendo una diversa interazione tra uomo e oggetto, lontano da ritmi industriali, verso altri immaginari.

FacebookTwitterGoogle+LinkedInPinterest

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Progetti speciali

Ultime news

I progetti vincitori di ADAD 2015 esposti al Civica Project del MART

Come preannunciato, il bookshop del Civica Project  (Galleria del MART di Rovereto con sede a Trento) ospiterà nei prossimi mesi i lavori ...→

I progetti di #ADAD2015 in vendita online su Buru Buru

Siamo lieti di annunciare che i progetti vincitori della sezione Under 35 di A Designer A Day 2015 sono finalmente acquistabili online su ...→

#ADAD2015: cosa è successo e cosa succederà

Con la conclusione della Design Week è terminata anche la prima fase di A Designer A Day 2015. Ringraziamo tutti i visitatori che dal ...→

Archivio