ALLELON - Co.Meta

Allelon nasce come gioco di collaborazione e unione tra bambini affetti da autismo ed altre disabilità. L’obiettivo del gioco è creare un’occasione di contatto in cui i bambini hanno bisogno l’uno dell’altro: giocare insieme genera suoni e colori sempre nuovi! Si collabora per raggiungere uno scopo comune: completare la torre inserendo a coppie una serie di cerchi in sequenza. Alla base del progetto è l’apprendimento della sequenzialità e lo stimolo all’interazione.
Allelon nasce come gioco di collaborazione e unione tra bambini affetti da autismo ed altre disabilità. L’obiettivo del gioco è creare un’occasione di contatto in cui i bambini hanno bisogno l’uno dell’altro: giocare insieme genera suoni e colori sempre nuovi! Si collabora per raggiungere uno scopo comune: completare la torre inserendo a coppie una serie di cerchi in sequenza. Alla base del progetto è l’apprendimento della sequenzialità e lo stimolo all’interazione.
Ruba bandiera: una fila di anelli è ordinata lungo il pavimento, in corrispondenza della torre. Quando le maniglie di un anello si accendono i due giocatori davanti al cerchio, afferrandolo, lo completano e lo inseriscono nella torre. Una volta messo l’anello, la coppia aspetta il turno degli altri giocatori.

Nascondino: La “tana” corrisponde alla torre. Il giocatore che si nasconde tiene con sé l’anello, acceso solo alle maniglie. Quando il cercatore lo trova i due afferrano l’anello per le maniglie, rendendolo tutto completamente illuminato. Senza la presenza di due giocatori che lo prendono, l’anello non si completa! A seguito del primo feedback positivo, i bambini corrono insieme verso la torre la cui fascia è illuminata come l’anello e infilano insieme l’anello. Nel punto dove si arresta l’anello, la torre si colorerà ad intermittenza ed emetterà una melodia. Possono partecipare due o più giocatori. Nel caso siano più di due, il cercatore può cambiare a turni.

Caccia al tesoro: scopo del gioco è trovare l’anello nascosto. Analogamente al Nascondino, i due giocatori, preso l’anello, lo inseriscono nella torre che risponde con luci e suoni. Anche in questo caso possono esserci due o più giocatori.

Il care giver svolge un ruolo fondamentale nell’attività di gioco. È lui a decidere la modalità di gioco, a monitorare lo sviluppo dell’azione e a selezionare il livello difficoltà per ciascuna modalità, basso, medio o alto. A seconda del livello di difficoltà impostato, il gioco può risultare più o meno complesso, variando in base alle esigenze del soggetto. Il care giver può impostare il gioco attraverso un comando posto sulla testa della torre.





Commenta questo post

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

In questo sito non si utilizzano cookies di profilazione da noi gestiti direttamente; se lo desideri, puoi tuttavia gestire ed eventualmente bloccare i consueti strumenti di censimento delle preferenze (come ad esempio per collegamenti a Google e Facebook, che tengono nota delle tue preferenze per proporre pubblicità mirata) da questa pagina:
http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte
che consente di analizzare la presenza in generale di cookie sul tuo computer, di leggere la policy dei gestori esterni e, se lo desideri, di disattivarli.

Chiudi