Un ambiente in cui l’autismo può riscontrare diversi problemi è quello scolastico. All’interno di un gruppo classe l’alunno autistico può rischiare di rimanere isolato ed emarginato per i suoi comportamenti, che possono apparire strani agli occhi dei compagni. Le caratteristiche comportamentali e cognitive del bambino infatti rendono molto complesso l’instaurarsi di rapporti interattivi di spessore significativo, soprattutto a livello di scuola materna ed elementare.

Proprio per evitare queste situazioni all’interno delle classi vi è una spinta da parte degli insegnanti ad una partecipazione collettiva, che permetta così al bambino di integrarsi sempre più all’interno del gruppo.

Un alunno con autismo può presentare una grande difficoltà a instaurare rapporti interpersonali di amicizia. Tali problemi sono dovuti anche al fatto che molti bambini con autismo non sono in grado di comunicare e comprendere immediatamente un concetto e che alcuni hanno bisogno di interagire con un contatto fisico. Ciò può portare l’alunno a generare un senso di paura e smarrimento verso i propri compagni, i quali, non riuscendo a comprenderlo, cominciano a distaccarsi a loro volta.

Per trovare una soluzione è necessario che vi sia un coinvolgimento di tutta la classe nella comunicazione con lo studente autistico. E’ necessario che gli alunni comprendano in pieno la situazione cercando di aiutare il bambino, e che quest’ultimo capisca come comportarsi nelle diverse situazioni che si verranno a creare, sapendo di poter contare sui propri compagni.

Le maestre svolgono un ruolo importantissimo in tutto ciò, poiché spetta a loro intervenire sulla classe e sul gruppo formatosi; esse devono incoraggiare lo sviluppo di rapporti di aiuto e lavorare alla creazione di un clima non competitivo per dare il via ad esperienze di apprendimento cooperativo.

 

https://dida.orizzontescuola.it/news/avere-uno-studente-autistico-nella-propria-classe-alcuni-suggerimenti-di-base

https://www.2001agsoc.it/materiale/mediateca/Autismo__e_integrazione__Cottini_COTTINI_LUCIO_.pdf

Commenta questo post