Nuovi metodi di approccio

L’autismo è un disturbo dello sviluppo neurologico che comporta un impatto sul linguaggio, socializzazione e comportamento oltre che disturbi sensoriali, di attenzione,intellettuali e motori. Queste problematiche accompagnano il paziente lungo tutto il suo arco vitale ed è per questo che si cercano nuove soluzioni al fine di integrare al meglio i pazienti nella società. Una delle soluzioni prese in considerazione da centri di sviluppo come Pasitos consiste nell’introduzione nella vita dei pazienti di tecnologie innovative e più nello specifico di realtà aumentata. L’obiettivo è quello di colmare i divari comportamentali generati dall’autismo e dirigere l’attenzione dei bambini verso la terapia. In particolare tramite occhiali per la realtà aumentata e superfici interattive. 

Tecnologie innovative

Tramite questi nuovi approcci è quindi possibile educare socialmente i bambini che sin dall’infanzia hanno a disposizione metodi pratici ed efficaci di insegnamento. Viene quindi fatto uso di Google Glasses, occhiali per la realtà aumentata, che hanno il compito di aiutare i bambini nell’interazione con le altre persone tramite programmi specifici. I pazienti interagiscono quindi con educatori virtuali che rispondono emotivamente alle loro azioni come allenamento alla gestione di più stimoli sensoriali contemporaneamente.

Un ulteriore metodo di apprendimento, in questo caso rivolto oltre che alla sfera sensoriale anche a quella motoria, consiste nella creazione di spazi multimediali muniti di speciali teli atti alla riproduzione di videogiochi interattivi e alla creazione di musica. I bambini sono stimolati tramite sessioni di gioco mirate ad apprendere sempre di più tramite obbiettivi che aumentano progressivamente di difficoltà. Si passa quindi dalla capacità di coordinarsi con animali allo schermo per aiutarli nelle loro attività al circo piuttosto che spostarsi da un lato all’altro del telo passando sopra ad un ponte. Infine i teli vengono utilizzati nella riproduzione musicale dove a seconda della pressione esercitata e seconda del punto di pressione vengono emessi stimoli sonori e visivi a tema fluido che lasciano completa libertà al bambino di creare e sperimentare.

Vantaggi dei nuovi metodi

Tramite queste sperimentazioni si cerca quindi di sottrarre i pazienti alla somministrazione di farmaci che risultano, seppur immediati, non altrettanto efficaci sia nel lungo che nel breve termine. I trattamenti comportamentali permettono infatti, a differenza di quelli farmacologici, miglioramenti permanenti e acquisiti in modo naturale.

Fonti:

  •  https://www.youtube.com/watch?v=WQYgQQLYq38&t=102s
  •  https://www.youtube.com/watch?v=2NwyirGmEJw

Commenta questo post