Negli ultimi anni si sta assistendo ad un aumento della diagnosi del disturbo dello spettro autistico, “con una prevalenza pari a 40-50 casi per 10.000 persone”.

Alcuni attribuiscono la causa di tale incremento a fattori ambientali o al cambiamento dello stile di vita rispetto al passato;  nascono ogni giorno nuovi dibattiti che ostentano vari metodi per il miglioramento delle condizioni degli individui affetti da questo disturbo. Uno tra gli argomenti più discussi è la dieta priva di glutine. Indipendentemente dagli effetti che quest’ultima può determinare, l’assenza di glutine non è da ricondurre a un disturbo di celiachia condiviso tra gli affetti da ASD; infatti si ipotizza una diversa patologia definita “sensibilità al glutine non celiaca” (SG) che presenta gli stessi effetti collaterali della celiachia (“dolori addominali, distensione addominale, diarrea o stipsi, senso di mente annebbiata, cefalea, stanchezza e intorpidimento degli arti”).

Non è quindi corretto identificare il glutine come fattore scatenante della malattia. Tuttavia, da una ricerca effettuata da Cochrane nel 2008, consistente nell’osservazione di un piccolo gruppo di pazienti, si è riscontrato un miglioramento degli stessi a seguito della dieta senza glutine, soprattutto nell’ambito della sfera sociale, quindi interazione e comunicazione. Una giustificazione a questi dati si potrebbe trovare nell’identificazione di due tipologie di pazienti: i “responders”, che rispondono in maniera molto sensibile ai cambiamenti alimentari e i “non responders” a cui questi non fanno alcun effetto.

Ad oggi il Ministero della Salute ha stabilito che non persistono abbastanza prove scientifiche a garantire miglioramenti del disturbo dello spettro autistico attraverso l’eliminazione del glutine nella dieta alimentare dei pazienti, pertanto si attende la risposta della ricerca.

(fonts: http://www.drschaer-institute.com/it/news/studi-attuali/autismo-e-dieta-senza-glutine-4681.html, Elena Lionetti, Dipartimento di Pediatria, Università Politecnica delle Marche, Ancona)

Commenta questo post