Autismo e odori

Di 27 Settembre 2018Warm-up 1

I bambini affetti da autismo solitamente hanno una vista più sensibile ai colori e un tatto molto più sviluppato.

Uno studio svolto dall’università di Oxford ha confrontato l’olfatto di 18 bambini con autismo rispetto a quello di 18 loro coetanei non affetti.

I bambini hanno annusato diversi campioni e, in seguito, sono state fatte due risonanze magnetiche, una per cercare di capire quanto velocemente il cervello percepisse gli odori; e una per vedere come il cervello riusciva a riconoscerli.

E’ emerso che i bambini affetti da autismo impiegano più tempo a percepire gli odori e hanno più difficoltà nel riconoscerli.

Le risonanze evidenziano uno sviluppo minore delle attività della corteccia piriforme e che le alterazioni dell’olfatto sono situate soprattutto nella corteccia olfattoria primaria.

E’ interessante notare come a differenza degli altri sensi, a volte talmente sviluppati da creare un disagio, l’olfatto sia meno sviluppato e permetta, quindi, un riconoscimento degli odori più lento.

Inoltre, secondo un articolo del “Telegraph”, che cerca di comprendere il rapporto dei bambini autistici con gli odori, attraverso un test si può fare una diagnosi.

Infatti, attraverso uno studio, in cui partecipavano sempre 18 bambini con autismo e 18 bambini non affetti è emerso che i bambini non affetti impiegano circa 305 millisecondi per percepire un odore, mentre i bambini affetti da autismo un tempo di gran lunga maggiore.

Questo test permette di fare una diagnosi con l’81% di accuratezza, senza ricorrere a compiti da seguire ed è completamente non verbale.

Inoltre, il dottore Noam Sobel, che ha condotto la ricerca, spiega che è importante far si che questo test possa diventare uno strumento per la diagnosi perché permetterebbe una diagnosi davvero precoce, permettendo forse un intervento molto più efficace.

 

 

fonte:https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30219913

https://www.telegraph.co.uk/news/health/children/11714942/Smell-test-helps-detect-autism-in-children.html

Commenta questo post