Avere una buona comunicazione è la chiave per comprendere ciò che ci circonda e come si sviluppa. Condividiamo tutti la necessità di interagire con altri esseri umani, la comunicazione può essere intesa come il processo di comprensione e condivisione di un’idea. Trasmettiamo un messaggio non solo attraverso ciò che diciamo, ma anche come lo diciamo, sia verbalmente che per iscritto. D’altra parte, le capacità di comunicazione sono un ottimo strumento per capire gli altri. Di nuovo, non solo le tue parole, ma il tuo linguaggio non verbale può fornirci indizi molto chiari su chi sono e quali sono i loro valori e interessi. Esiste un disturbo neurobiologico chiamato autismo, che colpisce le persone sin dalla loro nascita, causando molti problemi di interazione con l’ambiente. I bambini con questo disturbo sono solitamente auto-assorbiti e sembrano vivere in un mondo privato in cui hanno una limitata capacità di comunicare e interagire bene con gli altri, il che porta allo sviluppo del linguaggio se non viene trattato in tempo. e la capacità di capire ciò che gli altri stanno dicendo loro. Spesso hanno anche problemi con la comunicazione non verbale, come i gesti delle mani, il contatto visivo e le espressioni facciali, senza essere in grado di proiettare una buona crescita e sviluppo personale, generando problemi diversi nelle diverse fasi della vita come:

 

 


Infanzia

– Linguaggio ripetitivo o rigido

– Interessi specifici e capacità eccezionali

– Sviluppo irregolare della lingua

 

 

 

 

Adolescenza e età adulta

 -Ausenza di amici

-Autonomia per affrontare la vita e il lavoro

– Evitare di uscire di casa

 -È una persona che non capisce i toni sarcastici

 

 

Ci sono diversi nuovi trattamenti che aiutano a prevenire che questi aspetti continuino nel tempo

E provvedano un supporto da un diverso punto di apprendimento rispetto a ciò che è già stato studiato e lavorato.

Nuovo metodo utilizzato TICP – Integrazione della tecnologia nei processi di comunicazione

Sappiamo che gli aspetti sensoriali danneggiano la comunicazione, ma anche il comportamento, l’attenzione, la percezione del mondo che il bambino con autismo ha

Non è necessario raggiungerli per mezzo della stessa comunicazione verbale, ma con altri modi provando stimoli multisensoriali come la piattaforma usa.

PIKTOPLUS, basato sul sistema pictografico di comunicazione (SPC).

Permette la comunicazione immediata attraverso l’uso di pittogrammi che rappresentano la lingua.

Ma non è un sostituto della persona, che è l’interprete indiscusso del processo comunicativo, che “guida” il comunicatore secondo i suoi interessi e chi lo “gestisce”.

 

 

Ilustrazioni: Brooke Smart

https://autismodiario.org/https://autismodiario.org/2018/05/20/piktoplus-apoyo-audiovisual-autismo/2018/05/20/piktoplus-apoyo-audiovisual-autismo/

http://www.leonardoausili.com/product/piktoplus-software-di-comunicazione-aumentativa

 

 

Commenta questo post