L’indipendenza di un soggetto affetto da autismo passa anche e soprattutto per la mobilità, che essa sia a piedi o sia utilizzando i mezzi pubblici.

Un’importante abilità da imparare per un bambino durante la crescita è l’attenzione nei movimenti attraverso il traffico urbano. Grande attenzione deve essere prestata soprattutto quando si tratta di attraversare la strada; per bambini affetti da autismo tutto questo può diventare particolarmente complicato, avendo alcuni difficoltà nell’elaborazione sensoriale riguardante i rumori e le luci.

Per questo motivo, il comune di Leganés in Spagna ha iniziato a segnalare con pittogrammi le strisce pedonali vicine a centri educativi con aule specializzate nel trattamento di alunni con disturbi nello spettro dell’autismo, implementando quattro pittogrammi raffiguranti “attendi, attenzione, auto ferma e attraversa”.

Questo tipo di iniziative hanno come obiettivo l’accessibilità universale dell’ambiente stradale. In aggiunta, si riesce ad inviare un chiaro messaggio di inclusività a tutta la comunità della città, creando una società più diversificata. Tuttavia, per promuovere l’accessibilità cognitiva, favorendo così l’inclusione, è necessario condurre uno studio. Come può questa comunicazione aiutare i soggetti autistici? Deve soddisfare i criteri per l’accessibilità universale.

Tutto ciò è cruciale per l’inclusione di ogni persona all’interno della società. Questi piccoli passi in avanti, che ad alcuni potrebbero risultare insignificanti, possono, in realtà, migliorare la vita quotidiana di persone che faticano ad integrarsi in una società normotipica.

 

Sitografia: http://www.autismo.org.es/actualidad/articulo/iniciativas-de-accesibilidad-para-las-personas-con-autismo-positivas-pero-con

Commenta questo post