La musicoterapia nell’autismo (Gruppo 5)

Di 26 Settembre 2017Settembre 27th, 2017Conoscere l'autismo

Tra i vari trattamenti e terapie impiegati nel corso di apprendimento di un individuo autistico, viene sempre più considerata e utilizzata la tecnica della musicoterapia.

In generale, diversi anni di ricerca hanno dimostrato tutti gli effetti positivi della musica sul comportamento e sulle emozioni umane: facilitano la coordinazione, la regolazione, l’armonizzazione e la sintonizzazione con un secondo individuo ma soprattutto con se stessi.

Come spiega la Dr.ssa Alicia Gibelli (www.diversamenteonlus.org), studi scientifici hanno evidenziato “che l’ascolto e la produzione musicale attivano contemporaneamente diverse regioni cerebrali. Inoltre, la musica attiva il sistema limbico della gratificazione, provocando forti reazioni emotive di piacere, e il sistema neurovegetativo provocando reazioni fisiologiche misurabili quali l’accelerazione o decelerazione del battito cardiaco, reazioni cutanee, sudorazione, corrispondenti a diversi stati emotivi”.

Diversi studi hanno, infatti, dimostrato che il bambino autistico mostra una certa propensione verso la musica e che il suono e il ritmo possono migliorare le loro capacità comunicative e il loro comportamento verso se stessi e verso gli altri. In particolare, la musica come terapia, detta appunto musicoterapia, per definizione è un processo atto a facilitare e favorire la relazione, l’espressione, la comunicazione, l’apprendimento, la motricità, l’organizzazione e altri rilevanti obiettivi preventivo-terapeutico-riabilitativi, al fine di soddisfare i bisogni fisici, emozionali, mentali, sociali e cognitivi di un soggetto, aspetti che per definizione presentano mancanze in un individuo autistico: la musica stimola la reazione verbale o vocale e quindi il desiderio di riprodurre con la propria voce la melodia, un passo fondamentale verso il miglioramento della comunicazione a parole.

fonte:

http://www.crescita-personale.it/arteterapia/1893/musicoterapia-e-autismo/1879/a

Commenta questo post