Loop è un sistema di gestione degli scarti organici, in particolare delle verdure, che permette la produzione di compost in casa.

Per chi è stato progettato? La nostra Personas è Andrea, un ragazzo autistico ad alto funzionamento di 16 anni, curioso e intraprendente ma molto timoroso nel provare cibi che non conosce, questo genera squilibri nella sua dieta quotidiana che è ormai povera di alcuni alimenti, come ad esempio le verdure.

Sono questi i tre passaggi che hanno portato all’ideazione di Loop.

Un problema, ovvero il timore, la paura di approcciarsi a nuovi cibi e di introdurli nella dieta.

Come si può migliorare l’approccio a questa difficoltà?

Attraverso un percorso, che porti Andrea a vedere, partecipare, capire, conoscere, e infine ad accettare i nuovi cibi.

Un obiettivo, ovvero quello di facilitare l’approccio che Andrea ha con le verdure attraverso questo percorso di osservazione e conoscenza.

La compostiera è associata ad un kit di utensili e supporti sia digitali che cartacei che mirano a facilitare ulteriormente alcune fasi del processo: una brocca e una spatola per la raccolta degli scarti, una paletta per il prelievo del compost, un app ed un diario compilabile.Loop è ideato per integrarsi nell’ambiente domestico, che questo sia indoor, come un living o una cucina, oppure outdoor come un balcone o un giardino.

Ciò che distingue Loop dalle compostiere in commercio è l’attenzione al processo e l’interattività.

Il supporto all’utente autistico è offerto in ogni fase durante l’uso della compostiera, attraverso feedback, responsi visivi, riducendo al minimo il carico di stress e il rischio di crisi: dal tappo ai carboni attivi per evitare la fuoriuscita di odori sgradevoli, al conteggio giorni, alla misurazione della temperatura e della quantità di scarti.

  1. Raccolta scarti
  2. Rimescolamento e cura
  3. Passaggi di fase con estrazione piani
  4. Attesa, prelievo del compost e cura della pianta

Un processo che risponde a 3 challenges fondamentali per la Personas:

  • L’intervento nella preparazione, con un compito specifico, la gestione degli scarti.
  • La responsabilizzazione nella cura del processo che porta alla crescita della pianta.
  • L’ampliamento della dieta, in modo graduale attraverso un processo conoscitivo.

 

Concept Gruppo_01: Arcagni Benedetta, Cagnazzo Caterina, Terenzoni Davide, Zerbi Riccardo

G01_griglia

G01_poster

 

Commenta questo post