La maggior parte delle persone autistiche presenta una spiccata sensibilità agli stimoli uditivi, visivi e alla temperatura: i rumori forti o determinati tipi di suoni creano loro ansia, vi è tolleranza diversa alle varie tonalità di colore e alla luce. Inoltre, ci sono dei bambini insensibili ai cambi di temperatura, motivo per cui, in inverno ad esempio, vogliono indossare vestiti leggeri rischiando geloni o malanni; in altri casi possono essere ultra-sensibili alle temperature; ciò rappresenta un problema, soprattutto in correlazione alla mancata comprensione dei propri stimoli corporei.

Queste situazioni rappresentano forti stressori che spesso i care-givers non sono in grado di interpretare; allo scopo di migliorare la vita domestica di autistici e dei neurotipici che vivono con loro nasce “Loop”.

Si tratta di un sensore che viene applicato all’interno dei vestiti, a contatto con la pelle, che monitora tre parametri: temperatura corporea, battito cardiaco e attività elettrodermica (ovvero la quantità di impulsi elettrici che la  pelle conduce tramite le ghiandole sudoripare); questi dati vengono poi inviati ad un’app che li elabora e fornisce un quadro della situazione psico-fisica di colui che indossa il sensore.

Alla fine di questo processo di elaborazione, l’app comunica chiaramente ai care-givers quali modifiche apportare nell’ambiente domestico per fare sentire a proprio agio la persona autistica: abbassare le luci, alzare o abbassare il riscaldamento, accendere l’AC, abbassare il volume della TV.

Il pieno potenziale di Loop tuttavia emerge quando viene usato in una casa mediamente “tecnologica”: una volta collegato ai vari dispositivi, i care-givers possono infatti controllare tutte le variabili ambientali dal loro telefono. Diventa quindi un sistema di “smart-home” che fa in modo che la vita domestica prosegua tranquillamente sia per gli autistici sia per i neurotipici.

Il sistema di vestibilità del sensore, che va indossato all’interno dei vestiti, è stato pensato per essere di minor ingombro possibile in modo da non creare fastidio. Viene bloccato poi da un sistema a scatto che imita le scatole dei fiammiferi; il sistema di bloccaggio si pone come obbiettivo quello di essere minimamente invasivo a livello di forma ma anche di colore: è fatto di una plastica leggera, azzurrina e dal finish opaco che risulta morbido al tatto. Vi si possono applicare delle piccole decorazioni, intercambiabili, e dalla colorazione tenue per non essere disturbanti alla vista. Dopo l’uso deve essere ricaricato sulla piccola postazione wireless fornita nel kit.

 

fonte: https://www.leihemu.com/product-design-for-asd-children

Commenta questo post