Organizzare uno spazio in funzione di un bambino affetto da autismo, specie se è la sua cameretta, può risultare un compito molto delicato. Rispetto ad un bambino neurotipico ci sono infatti alcune importanti considerazioni da tenere in conto, ecco una guida in 10 punti su come gestire gli spazi al meglio, e creare uno spazio accogliente, familiare e sicuro.

Definire spazi differenti

La camera da letto è un luogo in cui un bambino passa la maggior parte del suo tempo, e svolge la maggior parte delle attività. Per non creare disorientamento e confusione è quindi necessario suddividere lo spazio in zone, in particolare una zona letto, posizionata dove è possibile gestire a dovere l’illuminazione, una zona studio, dove il bambino troverà più facile concentrarsi, e una zona adibita a scopo ricreativo, dove l bambino potrà giocare e rilassarsi. Entrambe queste ultime gioverebbero di un’esposizione maggiore alla luce naturale.

Controllare l’illuminazione

La luce ha un ruolo fondamentale nello sviluppo sensoriale di un bambino, è quindi consigliabile evitare luci che distorcano i colori, o che cambino continuamente, in quanto potrebbero causare mal di testa o epilessia. Una buona soluzione sono le luci calde, possibilmente posizionate in modo che puntino verso l’alto, per una diffusione ideale e delicata. La luce naturale è ideale, purché possa essere controllata attraverso tapparelle, tende o persiane, in modo da oscurare parzialmente o totalmente la stanza in caso di necessità.

Scelta dei colori

Un altro elemento fondamentale nella gestione dello spazio è la scelta del colore. Si  consiglia di evitare colori troppo accesi, in quanto possano iperstimolare il bambino. I colori ideali sono neutri e caldi, in modo da creare uno spazio accogliente e rilassante. L’uso del bianco è sconsigliato in quanto potrebbe creare disorientamento e perdita di percezione degli spazi.

Pavimentazione

Un pavimento silenzioso è l’ideale per non sovrastimolare il bambino, il legno ha ottime proprietà isolanti, in alternativa si può optare per un pavimento morbido in stile moquette, purché non abbia pattern evidenti che potrebbero creare fastidio.

Contenitori

Un elemento da non perdere di vista è l’organizzazione di giocattoli e oggetti, per questo è fondamentale avere a disposizione armadi e contenitori, in modo da mantenere uno spazio ordinato e minimizzare il rischio di incidenti che leniscano alla sicurezza del bambino o più semplicemente comportino la rottura degli oggetti in questione.

Coperte e lenzuola

I tessuti che rimangono a stretto contatto con il bambino sono un altro fattore determinante nella scelta dell’arredamento, in particolare per quanto riguarda il letto. Si consiglia l’utilizzo di coperte in cotone, sufficientemente leggere e robuste sono anche facilmente lavabili e durature. Per quanto riguarda colori e decorazioni fanno fede i punti precedenti.

Elettronica

Una TV o un PC sono elementi da evitare nella stanza di un bambino autistico, in quanto costituiscono un altissimo livello di stimoli e possono portare ad un attaccamento deteriorante. Al contrario, speaker che emettono “rumori bianchi” e proiettori possono essere di grande aiuto per tranquillizzare e rilassare il bambino.

Area di deprivazione sensoriale

Si consiglia di creare un’area di relax e isolamento in cui il bambino possa rifugiarsi in caso di un sovraccarico di stimoli. Uno spazio con cuscini, coperte e qualche giocattolo potrebbe essere di grande aiuto.

Profumi e odori

Gli stimoli olfattivi sono un altro punto da non sottovalutare, è preferibile che questi siano di orgine naturale, e nel caso si trattasse di profumi artificiali, che questi siano selezionati e dosati con attenzione per non sovrastimolare il bambino.

La sicurezza prima di tutto

La sicurezza è l’obiettivo fondamentale durante la progettazione di un ambiente dedicato ai bambini, specialmente se autistici. Si consiglia di utilizzare serrature o blocchi di altro tipo su porte, finestre e contenitori, per evitare l’accesso involontario a situazioni ed oggetti pericolosi da parte del bambino, oltre che coprire spigoli vivi o altri elementi di pericolo.

Per chiarimenti o approfondimenti sull’argomento, è consigliabile visitare direttamante la fonte al seguente link: https://magicalnest.com/blogs/news/11-tips-on-how-to-design-a-room-for-kids-with-autism

Articolo di Niccolò Mele

Commenta questo post