Arturo è un talentuoso chef caduto in disgrazia a causa del suo pessimo carattere. Viene arrestato per percosse, ma viene deciso che sconterà la fine della sua pena in affidamento ai servizi sociali, diventando così insegnante di cucina in un centro per ragazzi autistici. Tra tutti, Guido, un giovane affetto da sindrome di Asperger, spicca per le sue innate doti culinarie.

Abilità speciali

Guido ha un olfatto acuto, riesce a percepire ogni ingrediente dei piatti che gli vengono proposti e ogni odore diventa potenzialmente insopportabile per lui. Ama cucinare, conosce dettagliatamente la vita e le abilità di numerosi chef, gli piace studiare i manuali di cucina e trova in Arturo un mentore.

Infatti, senza dirglielo, si iscrive ad un concorso di cucina dove indica Arturo come suo tutor. I due, da soli, partono con l’unica auto su cui Guido vuole salire: quella del nonno.

Nei giorni di convivenza Arturo si rende conto di quanto Guido sia effettivamente talentuoso, scopre che riordina sempre i suoi effetti sul comodino prima di addormentarsi e capisce che il ragazzo merita davvero il premio nonostante il suo scetticismo iniziale.

Malgrado si capisca poi che il concorso era truccato, tutti i giudici riconoscono più o meno apertamente il talento del ragazzo.

Oltre le disabilità

Quanto basta” racconta una storia semplice di un ragazzo con la passione per la cucina che ha soddisfazioni e delusioni, la sua prima cotta, la prima volta alla guida. È una storia di inclusione ma anche di normalità, dove la disabilità non è più un difetto ma diventa un punto di forza che permette di avere una marcia in più rispetto a tutti gli altri.

 

Link web: Quanto basta 

Riferimento video:

 

Commenta questo post