Il momento del pranzo dovrebbe essere un momento piacevole, purtroppo non per tutti è vissuto allo stesso modo. Azioni come utilizzare il cucchiaio, versare l’acqua nel bicchiere o anche masticare e deglutire possono risultare dei compiti non così scontati per alcuni bambini. Vi sono vari esercizi per agevolare questi momenti.

Ad esempio l’utilizzo della forchetta e del cucchiaio possono essere facilmente insegnati attraverso l’utilizzo di materiali semplici e con l’aiuto di un supporto posto sotto il piatto così da ridurre la distanza piatto-bocca, oppure per far capire come travasare da contenitori semplici a quelli più complessi, con l’aiuto di bacinelle o di imbuti, si possono applicare delle strategie visive per visualizzare fino a che punto versare l’acqua. Tra tutti i compiti forse quello più complesso è l’utilizzo dei tappi anche per un fatto di manualità, per stimolare ancor più il bambino si può effettuare un esercizio con più tappi di varia dimensione, così da sforzare la logica.


Altra mansione da non sottovalutare è l’apparecchio della tavola, dove si ha un ripiano vuoto in cui potrebbe esserci qualsiasi cosa in qualsiasi posizione; un modo utile è quello di utilizzare apposite tovagliette con sopra disegnati i vari oggetti: piatto, posate, bicchiere; dunque per facilitare il posizionamento e fungendo anche da stimolatore logico per l’accoppiamento sagoma-oggetto.

 

Commenta questo post