La lampada “Things” è nata dall’idea dei designer Shirin Amini e Farid Hatami e ha lo scopo di integrare la luce a una terapia per bambini autistici.

Il progetto si presenta come una lampada di piccole dimensioni, ma il concept è rivolto a favorire e stimolare lo sviluppo sensoriale nei bambini con sindrome dello spettro autistico, aiutandoli a sviluppare interazioni sociali rafforzandone le percezioni tattili e visive.

Funzionamento del prodotto:

La lampada si presenta come una sorta di scatola di forma quadrata con all’interno una piattaforma. Su di essa vengono posizionati dei cubi di diversi materiali, che quindi presentano trame e texture diverse. I bambini, posizionando i cubi, percepiranno la luce e le trame come elementi rilassanti nel loro ambiente.

In relazione alla texture del cubo e al suo posizionamento, viene emessa una luce colorata viene dalla cornice.

In questo modo, mentre i bambini giocano e interagiscono con i cubi, vengono introdotti alla consapevolezza di trame e materiali differenti e la loro sensibilità nei loro confronti si riduce o diventa più gestibile.

I progettisti hanno anche tenuto conto della forte sensibilità dei bambini autistici alle luci di colori molto intensi, perciò è stata scelta una selezione di colori neutri. Ciò comunicherà tranquillità al bambino evitando di indurre reazioni sensibili.

 

fonte: https://www.lucenews.it/things-la-lampada-e-gioco-e-terapia/

Commenta questo post