Gravity blanket è una coperta “pesante” creata con lo scopo di far dormire meglio. L’idea non è nuova ma era fino adesso utilizzata in campo medico per curare lo stress. Nell’aprile del 2017 John Fiorentino pubblica su Kickstarter Gravity blanket. Il suo progetto è quello di aiutare tutte le persone che hanno problemi del sonno, grazie alla sua coperta.

È ormai noto come la maggior parte dei bambini e ragazzi con disturbo dello spettro autistico abbiano problemi riguardo il sonno. Questi problemi posso spaziare dall’irrequietezza al minor tempo speso effettivamente a dormire. Le persone autistiche in media impiegano quasi dieci minuti in più ad addormentarsi e spesso il loro sonno è disturbato da movimenti, ansia e continui risvegli. È stato analizzato anche come le persone con ASD passino soltanto il 15% del sonno nella fase REM a differenza del 23% delle persone senza ASD. Secondo uno studio inglese effettuato su circa 14.000 bambini, si evince come i bambini con disturbo dello spettro autistico abbiamo una produzione di melatonina anomala rispetto agli altri bambini presi in esame.

Le coperte “pesanti” posso aiutare da questo punto di vista. È stato dimostrato come la coperta facciamo aumentare i livelli di serotonina e melatonina mentre diminuiscono i valori di cortisolo, migliorando l’umore e favorendo il sonno. Questo è possibile grazie alla tecnica del “tocco”, come descritto sul loro sito. Il peso della coperta, che è pari a circa il 10% di quello corporeo, simula la sensazione di essere stretti o abbracciati, rilassando il sistema nervoso. Un concetto semplice che spesso crea perplessità e scetticismo riguardo la sua efficacia, ma dei ricercatori dell’università di Gothenburg in Svezia hanno notato come grazie all’utilizzo della coperta diminuissero anche i movimenti nel sonno.

Gravity blanket è composta totalmente da materiali non tossici ed è traspirante, per far si che sia utilizzabile da tutti e durante tutte le stagioni dell’anno.

La coperta “pesante” nonostante no sia stata ideata principalmente per l’autismo può portare non poco sollievo alle persone con disturbo dello spettro autistico, ma anche alle famiglie. Infatti come analizzato dalla pediatra Angela Maxwell-Horn dell’università di Nashville, i bambini con ASD che tornano a dormire regolarmente sembrano imparare meglio, sono meno irritabili e hanno meno problemi di comportamento.

Sitografia

https://www.portale-autismo.it/ritmi-del-sonno-bambini-disturbo-dello-spettro-autistico-studio-prospettico/

https://www.divisioneautismocastelmonte.it/i-problemi-di-sonno-nellautismo-spiegati/

https://gravityblankets.com/products/gravity-blanket

https://www.kickstarter.com/projects/1620645203/gravity-the-weighted-blanket-for-sleep-stress-and/description

https://www.huffingtonpost.it/2017/05/08/questa-coperta-da-11-kg-aiutera-anche-i-piu-ansiosi-a-dormire_a_22075152/

Crediti immagine

https://gravityblankets.com/products/gravity-blanket

Commenta questo post