Raggiunta una tappa fondamentale insieme al Boston Children’s Hospital grazie alla possibilità di utilizzare la realtà aumentata nell’intervento precoce.

Il dottor Howard Shane, Direttore del Center for Communication Enhancement presso il Boston Children’s Hospital e Professore Associato di Otologia e Laringologia alla Harvard Medical School, è impegnato in prima linea nell’utilizzo della tecnologia e di supporti visivi per migliorare la comunicazione e l’apprendimento di bambini con disturbi dello spettro autistico. Questi bambini hanno spesso difficoltà nella comprensione del linguaggio scritto e parlato, ma sono estremamente interessati da quanto fruibile mediante schermi elettronici.

La realtà aumentata affronta due delle più grandi sfide di un bambino con autismo: la comunicazione e l’attenzione”, dichiara il dottor Howard Shane. “Grazie alla realtà aumentata un bambino autistico potrà ʻvedereʼ una tazza diventare un’astronave e venire coinvolto in giochi di simulazione, oppure potrà ʻvedereʼ tutti i passaggi per lavarsi i denti in modo corretto nel contesto dell’ambiente reale. Mansioni semplici, che possono essere complicate per coloro che hanno un disturbo legato all’autismo, potranno essere mostrate e comunicate attraverso la realtà aumentata in un modo per loro più significativo”.

https://www.ptc.com/it/news/2018/ptc-explores-the-uses-of-augmented-reality-technology-for-autism

Commenta questo post