Willi0 è uno specchio interattivo con scopo terapeutico e di benessere.

É concepito a partire da un’analisi che identifica lo specchio come un sistema dove determinate utenze con sindrome di autismo entrano in contatto con più semplicità e sviluppano un’interazione autonoma senza bisogno di input esterni.

A partire da questo si pensa di ampliare le potenzialità di questo elemento aggiungendo un grande apporto tecnologico che renda interattivo questo oggetto.

Lo scopo è di realizzare uno specchio che sia in grado nel limite delle sue possibilità di fornire degli insegnamenti più o meno complessi attraverso un sistema di avatar sgravando il lavoro del care-giver e rendendendo alcune pratiche di insegnamento (es. il metodo teach) più redditizie e piacevoli per l’utente.

I princìpi su cui fa presa lo sviluppo di Willi0 sono già affermati e studiati, e riportano dei risultati spesso soddisfacenti rispetto alla riuscita delle interazioni:
– Motion Based Touches Interaction
– Multisensory Enviroment
– Human Robot Interaction

nessuno

Willi0 è uno specchio in grado di opacizzare grazie al controllo di conducibilità ionica, dotato di schermo LED e di tecnologia LEAP 3D (quest’ultima essendo una tecnologia pratica anche per altri utilizzi è considerata mobile e si dispone all’interno di un vano posto sulla parte superiore della scocca in legno).

nessuno

Tutte le funzioni interattive sono programmabili e gestibili in remoto da un’applicazione con il quale si sviluppano anche le modalità con cui applicare diverse terapie.

nessuno

L’interazione con Willi0 è ipotizzata

. 1° FASE: CONOSCENZA
. 2° FASE: PROGRAMMAZIONE
(video, anim.,avatar)
. 3° FASE: SVILUPPO
. 4° FASE: MANTENIMENTO…

CONOSCENZA:
Instaurarsi di una relazione tra utente e Avatar.
– Presentazione.
– Esemplificazione delle azioni.
– Comprensione dei limiti dell’utenza.

PROGRAMMAZIONE:
Set-up del PROGRAMMA RIABILITATIVO
in base al suo grado di autismo e alle sue reazioni:
AVATAR
– video: (predefinito dell’avatar / rec. del care-giver)
– animazioni

SVILUPPO:
– esecuzione della fase teach “day by day”

MANTENIMENTO:
– adattamento del metodo teach in base all’apprendimento
dei contenuti

IL METODO DI INSEGNAMENTO SI SVILUPPA IN DECRESCENDO ANDANDO A RIDURRE LA COMPLETEZZA DELLE INFORMAZIONI IN MODO DA AUMENTARE LA REAZIONE DELL’UTENZA CHE DOPO NUMEROSE PROCEDURE SI TROVA A DOVER PORTARE A TERMINE LE AZIONI PROPOSTE CON INPUT DI VOLTA IN VOLTA MENO FREQUENTI E SPECIFICI.

Di seguito sono ipotizzati due differenti scenari.

nessuno

a cura di: Biagini Alberto; Bonaiti Pietro; Braggio Valerio; Brazzola Luca

Commenta questo post