Warning: Parameter 1 to wp_default_scripts() expected to be a reference, value given in /web/htdocs/www.designhub.it/home/smartdesign/wp-includes/plugin.php on line 600

Warning: Parameter 1 to wp_default_styles() expected to be a reference, value given in /web/htdocs/www.designhub.it/home/smartdesign/wp-includes/plugin.php on line 600
Hydropanel-Zero Mass Water's Source // posted by Bianca Barbiero - Smart Design

Hydropanel-Zero Mass Water’s Source // posted by Bianca Barbiero

20180602_incMag2420-1_374640

Cosa sono gli idropannelli?

Gli idropannelli Zero Mass Water’s Source utilizzano l’energia solare per assorbire il vapore acqueo dall’aria. In questo modo rendono possibile la produzione di acqua potabile anche in zone remote o desertiche dove non arriva l’acqua corrente. Il progetto punta a rendere l’acqua una risorsa illimitata in modo sostenibile, sfruttando materiali innovativi e fonti di energia naturali come il sole e l’aria. Gli idropannelli hanno un range di applicazione potenzialmente molto vasto che, per ora, sta trovando un particolare sviluppo in campo sociale per aiutare in luoghi dove l’acqua è un bene prezioso e spesso difficilmente raggiungibile.

Il progetto sta fornendo acqua potabile alle case della Navajo Nation, un territorio dei nativi americani nel nord-est dell’Arizona, nel sud-est dello Utah e nel nord-ovest del New Mexico negli Stati Uniti. Circa il 40% delle famiglie nella Navajo Nation vive senza acqua corrente. Molti devono percorrere chilometri per procurare l’acqua di cui hanno bisogno, inoltre la regione ha registrato il più alto tasso di infezione da covid-19 pro capite negli Stati Uniti, anche in virtù della mancanza d’acqua che ha reso difficile rispettare norme igieniche basilari come il lavaggio frequente delle mani. Il progetto dimostrativo iniziale ha fornito un totale di 30 pannelli in 15 case.

large_7f57a83f-f703-43d3-9705-8a4a2d8bcdd0

Come funzionano gli idropannelli?

1-L’energia solare alimenta il pannello.

2-Le ventole aspirano l’aria dall’ambiente e la spingono attraverso un materiale igroscopico che intrappola il vapore acqueo presente nell’aria.

3-Il vapore acqueo viene estratto e condensa passivamente in un liquido che viene raccolto nel serbatoio.

4-All’acqua vengono aggiunti i minerali.

I pannelli si collegano a un rubinetto all’interno della casa e forniscono fino a 10 litri di acqua giornalmente, senza alcun costo di elettricità. Ogni pannello può immagazzinare 30 litri di acqua, anche se la nuvolosità può influire su questo dato. I pannelli hanno una durata di 15 anni.

Perché smart?

La componente smart di questo prodotto non risiede nella sua tecnologia quanto nell’uso intelligente di materiali innovativi, che permettono di attuare un’idea ambiziosa che cerca di trovare una soluzione sostenibile ad un problema centrale nel mondo di oggi. Gli idropannelli sono sicuramente una strada percorribile per cercare di migliorare il nostro impatto ecologico, anche ora che non sono una tecnologia ampiamente utilizzata danno il loro contributo in ambito sociale migliorando la qualità di vita in luoghi dove l’acqua non è una risorsa scontata.

__opt__aboutcom__coeus__resources__content_migration__treehugger__images__2017__11__zero-mass-water-source-3322a05d2c624fb3a3ef1212b52d1ce2Screen-Shot-2019-05-28-at-4.16.59-pm